Invernale 2017-2018: resoconto della prima giornata

Invernale 2017-2018: resoconto della prima giornata

Disputata domenica 12 novembre la prima giornata del 22esimo Campionato Invernale del Sebino. Al mattino, mentre gli equipaggi convenuti a Circolo Velico Sarnico completavano i preparativi e mettevano le barche in acqua, tutto sembrava confermare le previsioni per una giornata piuttosto nuvolosa e pertanto senza la certezza dell’inversione termica che normalmente consente la formazione dell’Ora sul lago d’Iseo. Poca aria anche mentre le barche lasciavano gli ormeggi, con gli equipaggi degli Asso 99 particolarmente attenti a sbandare le loro imbarcazioni in uscita dai pontili, in modo da evitare “strusciate” della chiglia sul fondo e tra le alghe, visto il livello ancora molto basso del lago.

Arrivati nei pressi di Monte Isola, ben presto si formava un vento sostenuto che, curiosamente, si concentrava quasi solo sull’area di regata con intensità intorno ai 20 nodi e raffiche anche più forti, salvo poi annullarsi quasi di colpo nel canale di Tavernola e scemando rapidamente anche in direzione di Predore. Proprio il breve tratto interessato dal vento intenso spiega forse perché la superficie del lago si presentasse comunque con poca onda.

In queste condizioni un po’ inusuali il comitato di regata poteva dare la prima partenza, ma problemi sul gommone impedivano di predisporre la linea d’arrivo in tempo, vanificando la prova. Successivamente veniva data una nuova partenza, con vento rilevato tra i 16 e 18 nodi e intensità variabile lungo il percorso. Infine la seconda prova valida era caratterizzata da maggiore instabilità del vento ma si concludeva a sua volta regolarmente.

Le condizioni, in particolar modo all’inizio, causavano qualche problema agli equipaggi, con alcuni ritiri determinati da qualche vela danneggiata irreparabilmente oppure da qualche bagno fuori stagione. Nessun danno grave veniva però riportato alle persone e alle attrezzature.

Oltre agli ufetti impegnati sull’acqua c’era anche un altro “UFO” intento a sorvolare la zona: si tratta del drone con cui il CVS ha condotto un primo esperimento di riprese aeree della regata (ne vedremo l’esito nei prossimi giorni). Anche il pilota del drone doveva fare i conti con le condizioni meteo ma riusciva comunque a completare svariati sorvoli terminando con un atterraggio non banale (ma evitando un ben più costoso “ammaraggio”).

Per quanto riguarda le classifiche, segnaliamo l’equilibrio al vertice per gli Ufo 22, con Mojito, Frisbee e Flo a pari punti. Classifica corta anche in testa alla classe ORC, dove il Soling Aldebaran precede di un punto l’Asso 99 Chiara 3 e il Surprise Valja.

Appuntamento al 26 novembre per la seconda giornata.

Seguono le classifiche complete: